I nostri servizi

Il tirocinio non costituisce rapporto di lavoro. L’attivazione di un tirocinio richiede la predisposizione e la sottoscrizione di una convenzione tra un soggetto promotore e un soggetto ospitante corredata di un progetto formativo finalizzato all’acquisizione di specifiche competenze professionali del tirocinante.

La convenzione tra soggetto promotore e soggetto ospitante può essere attivata, attraverso una convenzione quadro, con un soggetto promotore , tale convenzione ha un costo di € 300,00 a tirocinante.

Gli obblighi del soggetto promotore sono: garantire la qualità e l’efficacia dell’esperienza formativa del tirocinante, attraverso il supporto al soggetto ospitante e al tirocinante nella fase di avvio, nella gestione delle procedure amministrative e nella predisposizione del progetto formativo; garantire che il tirocinio si svolga nel rispetto della normativa e degli obblighi previsti nella convenzione; nominare il tutor responsabile delle attività didattico – amministrative; provvedere direttamente o per il tramite del soggetto ospitante all’assicurazione del tirocinante; contribuire al monitoraggio territoriale dell’andamento dei tirocini.

Le modalità e la durata dei tirocini possono essere:

  1. Tirocinio formativo e di orientamento: i destinatari sono giovani che hanno conseguito un titolo di studio entro e non oltre 12 mesi.
  2. Durata massima da 6 a 12 mesi (proroghe comprese) a seconda della normativa regionale vigente.
  3. Tirocinio di inserimento/reinserimento al lavoro: è rivolto a persone inoccupate e disoccupate (anche in mobilità o Aspi). Durata massima da 6 a 12 mesi (proroghe comprese) a seconda della normativa regionale vigente
  4. Tirocinio rivolto a disabili e per gli svantaggiati

Possono ospitare un tirocinio tutti i datori di lavoro pubblici o privati che possiedono i seguenti requisiti:

  1. a) essere in regola con la normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, assicurandone l’applicazione anche ai tirocinanti ivi ospitati;
  2. b) essere in regola con la normativa di cui alla legge n. 68 del 1999 per il diritto al lavoro dei disabili
  3. c) non avere effettuato licenziamenti nella medesima unità operativa per attività equivalenti a quelle del tirocinio nei dodici mesi precedenti l’attivazione del tirocinio stesso, fatti salvi quelli per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo e fatti salvi specifici accordi sindacali con le organizzazioni territoriali più rappresentative;
  4. d) non avere in atto nella medesima unità operativa procedure di cassa integrazione straordinaria o in deroga per attività equivalenti a quelle del tirocinio.

Il soggetto ospitante deve corrispondere un’indennità al tirocinante di almeno 400€ mensili.

Il numero massimo di tirocinanti che possono essere ospitati da un singolo soggetto è:

  1. a) strutture composte dal solo titolare o con risorse umane in un numero non superiore a 5:presenza contemporanea di un solo tirocinante;
  2. b) strutture con dipendenti in numero compreso tra 6 e 20:presenza contemporanea di non più di due tirocinanti;

c) strutture con dipendenti superiore a 20: presenza contemporanea di un numero di tirocinanti in misura non superiore al 10% delle risorse umane presenti, con arrotondamento all’unità superiore.

Sono esclusi dai limiti i tirocini in favore dei disabili di cui all’art. 1, comma 1 della legge 68/99 e i soggetti e persone svantaggiate in situazioni di fragilità sociale nonché immigrati, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale.

Il soggetto promotore, associazione Riforma nostro partner, si occuperà di:

  • stipulazione della polizza assicurativa;
  • redazione del progetto formativo;
  • rilascio dei registri da tenere in azienda.

Seguici

INFORMAZIONI

Via Bovio, 6
28100 - Novara
 P.IVA 02495270031

CONTATTI

02 83595298

info@welform.it